Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Buoni samaritani per l’umanità sofferente

· Messaggio del Papa per la ventunesima giornata mondiale del malato che sarà celebrata l’11 febbraio ·

L’atteggiamento del Buon Samaritano chinato sull’uomo sofferente è riproposto da Benedetto XVI nel messaggio per la ventunesima giornata mondiale del malato, che sarà celebrata l’11 febbraio, presso il santuario mariano tedesco di Altötting, sul tema «Il Buon Samaritano: “Va ed anche tu  fa lo stesso”».

Il Papa si rivolge ai malati per dirgli «mi sento particolarmente vicino a ciascuno di voi, cari ammalati che, nei luoghi di assistenza e di cura o anche a casa, vivete un difficile momento di prova a causa dell’infermità e della sofferenza». E poi rilancia le parole rassicuranti dei Padri del concilio Vaticano II. «Non siete né abbandonati, né inutili: voi siete chiamati da Cristo, voi siete la sua trasparente immagine». Un pensiero il Papa lo rivolge poi «alle istituzioni sanitarie cattoliche e alla stessa società civile, alle diocesi, alle comunità cristiane, alle famiglie religiose impegnate nella pastorale sanitaria, alle associazioni degli operatori sanitari e del volontariato» ripetendo con  Giovanni Paolo ii  che è proprio «nell’accoglienza amorosa e generosa di ogni vita umana, soprattutto se debole e malata, che la Chiesa vive oggi un momento fondamentale della sua missione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE