Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Buona notizia

· Il segretario di Stato celebra la messa per la festa del patrono di Radio Vaticana ·

«Il valore di un’informazione corretta, non asservita a interessi e a poteri» che la piegano «pur di raggiungere i loro scopi», è «inestimabile». Lo ha detto il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, durante la messa celebrata oggi, martedì 29 settembre, nella sede della Radio vaticana, a Palazzo Pio, in occasione della festa di san Gabriele arcangelo, patrono dell’emittente.

William Morris, «L’arcangelo Gabriele»

La messa è stata concelebrata dal prefetto della Segreteria per la comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò, dal direttore generale di Radio Vaticana, padre Federico Lombardi, dal direttore uscente dei programmi, padre Andrea Koprowski, e dal suo successore (la nomina è proprio di oggi) padre Andrzej Majewski, in passato già responsabile della redazione polacca. Tra i presenti anche il direttore amministrativo Alberto Gasbarri.

Il mondo, ha sottolineato il porporato, ha «un estremo bisogno» di un servizio come quello affidato alla Radio Vaticana di diffondere «la buona notizia», di far risuonare la voce del Papa approfondendone il messaggio e di garantire un’informazione di qualità. Lavoro prezioso che ha come punti cardine quelli della «imparzialità» e della «obbiettività». Infatti, ha aggiunto, «servire Cristo offre l’impareggiabile vantaggio di diventare servi della verità» e, in quanto tali, «di essere liberati da qualsiasi altra schiavitù, divenendo quindi autenticamente liberi».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE