Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bruxelles tende la mano
a May

· Juncker conferma la possibilità di formulazioni aggiuntive sul backstop nel piano della Brexit ·

Theresa May a Bruxelles con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker (Afp)

Sembra ci sia un margine per intervenire sul backstop, il sistema di salvaguardia del confine irlandese che costituisce il nodo che ostacola il piano sulla Brexit del governo britannico. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha mostrato «apertura nei confronti dell’ipotesi di continuare ad aggiungere formulazioni alla dichiarazione politica congiunta sulla relazione futura per essere più ambiziosi». Dunque, «le squadre negoziali andranno avanti con le discussioni», per verificare se sia possibile trovare una soluzione all’impasse attuale, dovuta alla mancata ratifica da parte del parlamento britannico del piano concordato a novembre tra il governo Tory e i paesi membri dell’Ue. È quanto si legge nella nota congiunta di Juncker e del premier britannico Theresa May resa nota al termine del colloquio di questa mattina a Bruxelles. Juncker e May torneranno a incontrarsi prima di fine febbraio.

Juncker ha sottolineato che i 27 paesi dell’Ue non sono disposti a riaprire l’accordo di revoca, che rappresenta un compromesso attentamente equilibrato tra l’Unione europea e il Regno Unito, in cui entrambe le parti hanno fatto importanti concessioni. Al tempo stesso il presidente ha espresso la sua disponibilità ad «aggiungere una formulazione alla dichiarazione politica concordata dall’Ue e dal Regno Unito al fine di essere più ambiziosi in termini di contenuto e velocità quando si tratterà delle future relazioni tra l’Unione europea e il Regno Unito». In ogni caso, «qualsiasi soluzione dovrebbe essere approvata dal Parlamento europeo e dall’Ue». Da parte sua, May ha descritto il contesto nel Parlamento del Regno Unito e le motivazioni alla base del voto della scorsa settimana alla Camera dei Comuni in cerca di una modifica legalmente vincolante ai termini del backstop. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE