Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bruxelles sostiene Madrid

· Nel far fronte all’incremento degli arrivi di migranti nel Mediterraneo occidentale ·

Pur assicurando che verrà fatto tutto il possibile per sostenere Madrid di fronte al crescente aumento della pressione migratoria sulla rotta del Mediterraneo occidentale, il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, sottolinea che le risorse del fondo Ue per l’Africa del Nord «sono limitate», perché «gli stati non lo alimentano in modo adeguato».

È un passaggio della lettera inviata da Juncker in risposta al premier spagnolo Pedro Sánchez, che si era rivolto a Bruxelles per ottenere fondi per la cooperazione col Marocco. I due leader si sono confrontati sulla questione anche in un colloquio telefonico, ieri. «Ho confermato a Sánchez che Spagna e Marocco possono stare certe del pieno sostegno della Commissione» ha dichiarato Juncker. «Stiamo lavorando per liberare le risorse al più presto poiché è una priorità, ma al momento non ci sono cifre» ha spiegato un portavoce della Commissione, annunciando il prossimo viaggio a Madrid, del commissario Dimitris Avramopoulos.

Nel frattempo, sempre sul fronte europeo, sono stati aperti ieri in Baviera i primi sette centri in cui saranno trattenuti i migranti che vogliono entrare in Germania in attesa di una risposta sulle loro richieste di asilo. Si tratta di un progetto del ministro degli interni e leader della Csu, Horst Seehofer, che da tempo propone misure restrittive in tema di immigrazione. Altri Land tedeschi hanno rifiutato l’apertura di questi centri.

I centri — ha spiegato Seehofer — «consentiranno di portare avanti un processo decisionale sui richiedenti asilo rapido e sicuro». Il ministro tedesco si è anche detto certo che «altri Land tedeschi presto seguiranno l’esempio della Baviera e che i centri di ancoraggio si riveleranno un modello di successo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE