Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Bruxelles si accelera
sulla difesa europea

· Riunione ministeriale prima del vertice dei leader ·

I ministri degli esteri e della difesa europei si riuniscono questa sera a Bruxelles, sotto la guida dell’alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune dell’Ue, Federica Mogherini, prima del consiglio esteri. L’obiettivo è varare un quartier generale della difesa europea. 

Alcuni dei ministri dell’Ue riuniti a Bruxelles (Reuters)

Nella definizione ufficiale dovrebbe essere una struttura per la pianificazione e la guida militare. Di fatto dovrebbe gestire a livello strategico le missioni militari non esecutive dell’Ue. Al momento, si tratta di quelle in Somalia, in Mali e nella Repubblica Centroafricana. Secondo le indiscrezioni di stampa, la struttura sarà operativa entro giugno, impiegherà qualche decina di persone (fra le 20 e le 30) e sarà inizialmente a guida finlandese. Sempre più spesso si riuniscono tutti insieme i ministri degli esteri e quelli della difesa e l’incontro è stato definito in formato “jumbo”. Oggi devono discutere del piano di azione per una difesa europea, il cui percorso di attuazione ha registrato una netta accelerazione. Poi, la questione sarà sul tavolo dei leader dei 28 nel vertice di giovedì e venerdì prossimo. Sempre oggi si devono affrontare anche altri temi: si va dalle relazioni con l’Egitto (il ministro Sameh Hassan Shoukry parteciperà al pranzo di lavoro), alla situazione nei Balcani occidentali, agli aspetti esterni della politica dell’Ue sull’immigrazione (con un interesse particolare per la cooperazione con la Libia) e la crisi del Medio oriente, mentre si allontana l’ipotesi di una prossima convocazione del consiglio di associazione con Israele. E per parlare del futuro dell’Europa questa sera a Versailles, il presidente francese, François Hollande, riunisce i capi di governo di Germania, Spagna e Italia, in vista degli incontri a Roma, per il sessantesimo anniversario del Trattati. Alla vigilia, Hollande ha dichiarato che, se non vuole «esplodere», l’Europa deve avere «velocità differenti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE