Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Brexit senza sconti

· Il premier britannico Theresa May presenta gli obiettivi dei negoziati per l’uscita dall’Unione europea ·

Una schematica illustrazione di obiettivi: è quanto contiene il Libro bianco sulla Brexit presentato ieri dal premier britannico Theresa May. Mercoledì la camera dei comuni aveva dato il suo primo voto alla legge per l’avvio della procedura di uscita dall’Unione.

Theresa May (Afp)

Non è una road map, ma piuttosto una precisa dichiarazione di intenti a proposito della strategia negoziale. Sono 12 i punti e 77 le pagine. Si comincia con il ribadire la necessità di «garantire certezza e chiarezza ovunque possibile nell’approccio ai negoziati». Si chiarisce di dover riprendere il controllo a livello nazionale delle leggi, «mettendo fine alla giurisdizione della Corte di giustizia dell’Unione europea sul Regno Unito». L’intenzione del governo è di «definire un accordo che funzioni per l’intero Regno — Scozia, Galles, Irlanda del Nord e Inghilterra in ogni sua parte — e nel pieno rispetto dell’Accordo di Belfast, per la pace in Irlanda». E qui c’è una precisazione: «tutelare i forti e storici legami con l’Irlanda conservando l’area di common travel attraverso soluzioni pratiche che garantiscano al contempo l’integrità del sistema migratorio».

Ma in tema di migrazioni c’è un altro punto essenziale nel documento: «Controllare l’immigrazione, incluso il numero dei cittadini di paesi dell’Unione che entrano nel Regno Unito». Si parla dunque di diritti per ribadire la necessità di «assicurare i diritti dei cittadini Ue residenti nel Regno Unito e dei cittadini britannici residenti nei paesi Ue», specificando di doverlo fare «prima possibile». In generale, si ribadisce di voler «proteggere e accrescere i diritti vigenti dei lavoratori».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE