Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Brasile
sotto shock

· Accoltellato il candidato della destra radicale Jair Bolsonaro ·

Bolsonaro subito dopo l’accoltellamento (Ap)

Grandissima emozione ha causato in Brasile l’attentato compiuto ieri contro Jair Bolsonaro, uno dei principali candidati alle presidenziali del 7 ottobre. Bolsonaro esponente della destra radicale e fautore della linea dura contro la criminalità, è stato accoltellato mentre passava tra la folla dopo un comizio a Juiz de Fora, nello stato del Minas Gerais. Sottoposto a un delicato intervento chirurgico, le sue condizioni vengono considerati gravi ma stabili. L’uomo politico non sarebbe quindi in pericolo di vita, ma la degenza in ospedale, che dovrebbe durare una decina di giorni, e la successiva convalescenza, non gli consentiranno di partecipare attivamente queste ultime settimane di campagna elettorale. L’attentato contro Bolsonaro esaspera ulteriormente un clima politico già arroventato, segnato dagli scandali per corruzione che hanno portato, tra l’altro, alla condanna dell’ex presidente Lula da Silva. Proprio il fondatore del partito dei lavoratori, dichiarato incandidabile della giustizia, veniva considerato, con lo stesso Bolsonaro, come uno dei probabili vincitori della corsa al palazzo di Planalto. Unanime è stata la condanna del mondo politico, anche degli esponenti dei partiti più distanti delle posizioni del candidato della destra. Ma inevitabilmente l’attacco di ieri porterà a una maggiore polarizzazione di un paese già profondamente diviso.

In una conferenza stampa, l’équipe medica che ha seguito il candidato dopo l’accoltellamento ha spiegato che Bolsonaro è arrivato all’ospedale con una grave emorragia interna a causa della ferita infertagli, ed è stato sottoposto a una laparotomia d’emergenza, per valutare i danni causati dalla lama all’interno dell’addome. I medici hanno rinvenuto lesioni minori a una vena addominale e all’intestino tenue, che sono state controllate e ricucite. È stata poi individuata una lesione più grande all’intestino crasso, per la quale Bolsonaro è stato sottoposto a una seconda operazione. A causa della gravità delle ferite riportate e l’importanza degli interventi chirurgici, hanno aggiunto i medici, Bolsonaro «dovrà rimanere ricoverato a Juiz de Fora almeno una settimana o dieci giorni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE