Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bombardato ospedale pediatrico in Siria

· ​Due morti e decine di feriti tra medici e pazienti ·

L’ospedale colpito a Kafar Takharim (Afp)

Nuovo orrore in Siria. Una clinica ostetrica gestita dalle organizzazioni Save the Children e Syria Relief a Kafar Takharim, cittadina nella provincia di Idlib, è stata colpita e gravemente danneggiata ieri in un bombardamento aereo. I pazienti del centro sono per il 61 per cento mamme e per il 39 per cento bambini. Sotto le bombe sono morte almeno due persone: erano familiari in visita ad alcuni pazienti. I bilanci sono comunque ancora provvisori: si parla di diverse decine di feriti tra medici e pazienti. Non si sa ancora da quale delle parti in conflitto sia stato condotto il raid, ma la cittadina è nelle mani dei ribelli. Insieme alla struttura sanitaria è stato colpito e gravemente lesionato anche un edificio adiacente della Difesa civile, un corpo volontario di auto-tutela che opera nelle zone del Paese controllate dalle forze ostili al Governo di Assad. La struttura sanitaria è rimasta in parte distrutta; le bombe hanno colpito soprattutto l’ingresso principale. L’ospedale — dicono fonti della stampa internazionale — è il più importante del suo genere nell’area, ogni mese assiste circa 1350 tra donne e bambini e vi avvengono oltre 320 parti assistiti. Si tratta dell’unica clinica ostetrica nel raggio di circa 110 chilometri situato nella Siria nord-occidentale. In una nota Amnesty International ha condannato il bombardamento, definendolo «modello spregevole di attacchi illegali e deliberati contro strutture mediche». L’Osservatorio siriano per i diritti umani (organizzazione che è voce dell’opposizione con sede a Londra) ha riferito che «la struttura non è quasi più operativa» a causa dei danni subiti. È solo l’ultima di una serie di strutture sanitarie diventate bersagli dei bombardamenti in Siria: la settimana scorsa, nel giro di sole 24 ore, ad Aleppo furono colpiti una banca del sangue e quattro ospedali, compreso quello pediatrico, 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE