Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Blindati russi in Crimea

· Le nuove autorità di Kiev si dicono pronte a dialogare con Mosca ma l’integrità territoriale dell’Ucraina appare a rischio ·

Kiev, 26. Le nuove autorità ucraine sono pronte a ripristinare il pieno dialogo diplomatico con la Russia non appena sarà formato il nuovo Governo che dovrebbe essere annunciato questa sera: lo ha sottolineato oggi in una nota il ministero degli Esteri ucraino. 

Un carro armato a Sebastopoli (LaPresse/Ap)

«Riaffermiamo la nostra fedeltà alle relazioni russo-ucraine su basi nuove, di vera uguaglianza e vicinato, come sottolineato nel suo discorso al popolo ucraino dal presidente ad interim, il presidente della Rada Oleksandr Turcinov», si legge in una nota. Ma i blindati russi che ieri sono stati avvistati nel centro di Sebastopoli, capoluogo della Crimea, sono un inquietante messaggio. Dopo l’uscita di scena del presidente Viktor Ianukovich, l’integrità territoriale del Paese sembra essere ad altissimo rischio. Nella russofona Crimea, infatti, dove è di stanza la flotta russa del Mar Nero, molti si rifiutano di riconoscere le nuove autorità di Kiev e migliaia di persone manifestano da giorni a favore della secessione e dell’annessione a Mosca.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE