Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bicentenario in ostaggio

· Sui festeggiamenti per l'indipendenza del Messico pesano le violenze dei narcos ·

Città del Messico, 14. Il Messico festeggia questa settimana il bicentenario dell’indipendenza dalla Spagna e i cento anni della rivoluzione, ma sulle cerimonie pesa il sangue delle vittime dei cartelli della droga. Le celebrazioni, costate 40 milioni di dollari, promettono comunque di essere grandiose. Mercoledì sera è prevista una cerimonia di apertura dei festeggiamenti degna dei Giochi olimpici. Più di un milione di persone si daranno appuntamento nel centro della capitale per gridare «Viva Mexico». Ma i fuochi d’artificio, la parata militare e un corteo di carri allegorici non possono far dimenticare le 28.000 persone che hanno perso la vita in questi ultimi quattro anni nella lotta dello Stato contro i narcos.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE