Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Biblioteca nella sabbia

· I misteri irrisolti dei papiri Bodmer A più di sessant’anni dalla loro scoperta in Egitto ·

A più dei sessant’anni dalla loro scoperta fortuita in Egitto (1952?), seguita dal loro acquisto segreto — avvenuto nell’ambito del mercato antiquario a blocchi e probabilmente in modo parziale — a opera della segretaria di Martin Bodmer, uno dei grandi mecenati del secolo scorso (1899-1971), e dal loro arrivo a Ginevra, i papiri Bodmer non smettono di nascondere i loro segreti e costituiscono l’oggetto di un’inesausta ricerca da parte degli studiosi delle più diverse discipline. 

Martin Bodmer

Questo vivo interesse non stupisce se si considera l’importanza dei materiali che i codici Bodmer conservano, tutti di notevole antichità, essendo i manoscritti collocabili tra III e V secolo dell’era cristiana (e forse oltre): testi biblici in greco e in copto tra i più antichi e importanti sia per l’Antico che per il Nuovo Testamento; ma anche opere teatrali classiche credute perdute come il Dyskolos di Menandro. Studiare questo insieme di codici significa tentare di ricostruire un momento significativo delle trasformazioni culturali e religiose in Egitto e nel Mediterraneo tra III e IV secolo. Sul tappeto ci sono ancora problemi di grande rilievo, a partire ad esempio dalla misteriosa località dove è avvenuta effettivamente la scoperta della biblioteca: nell’ambito di un monastero di monaci pacomiani, non lontano da Nag Hammadi, o in località più distanti e a nord, come Achmim, Assiut o Miniah? Per passare poi alla consistenza effettiva di questo fondo, dato che probabilmente alla campagna di acquisto di Martin Bodmer sfuggirono alcuni codici, i quali presero altre vie, ad esempio le biblioteche accademiche di Stati Uniti, Spagna, Irlanda, Inghilterra, Germania. Per arrivare infine alla questione della comprensione culturale dei codici e alla ricostruzione storica degli ambienti che ne hanno favorito la crescita. A parlarne sarà il il convegno «I Papiri Bodmer. Biblioteche, comunità di asceti e cultura letteraria in greco e copto nell’Egitto tardo antico» in programma il 3 febbraio a Roma, all’università La Sapienza. 

Alberto Camplani

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Presentazione Della Giornata Missionaria Mondiale

19 ottobre 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE