Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Benedetto XVI visita la mostra «Il potere e la grazia» a Palazzo Venezia

· Nella serata di domenica 31 gennaio ·

Nella serata di domenica 31 gennaio Benedetto XVI si è recato a Palazzo Venezia per visitare la mostra «Il potere e la grazia. I santi patroni d'Europa».

Il Papa è giunto intorno alle 18.30, accompagnato dai monsignori Georg Gänswein, suo segretario particolare, e Alfred Xuereb, della segreteria particolare, e dalle quattro Memores dell'appartamento. Ad accoglierlo il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, Gianni Letta, l'ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede, Antonio Zanardi Landi, con la consorte Sabina Cornaggia Medici, gli organizzatori della mostra — cioè, oltre l'ambasciata d'Italia, il Polo Museale Romano e il Comitato di San Floriano — e i responsabili di Palazzo Venezia. Lo accompagnavano il curatore della mostra don Alessio Geretti e monsignor Angelo Zanello, parroco di Tolmezzo.

Il Pontefice si è intrattenuto per trentacinque minuti ad ammirare i capolavori esposti — fra questi anche il San Giovanni Battista di Leonardo, proveniente dal Louvre e ospitato dalla mostra per l'intero mese di gennaio grazie al sostegno dell'Eni — che raccontano l'evoluzione del rapporto tra fede e cultura, santità e potere, Chiesa e comunità politica nel continente attraverso i secoli. Temi, questi, ai quali ha accennato il sottosegretario  Letta, che ha confermato a Benedetto XVI la volontà del Governo italiano di riaffermare l'esistenza e la forza delle radici cristiane dell'Europa.

Era stato lo stesso Letta ad auspicare che il Pontefice visitasse la mostra in occasione della presentazione del libro I viaggi di Benedetto XVI in Italia , svoltasi il 21 gennaio all'Ambasciata d'Italia presso la Santa Sede, presenti il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Conferenza episcopale italiana, e l'arcivescovo Fernando Filoni, Sostituto della Segreteria di Stato. Al termine della visita è stata donata al Papa una riproduzione del Costantino a cavallo di Gian Lorenzo Bernini.

In quasi quattro mesi — l'inaugurazione è avvenuta il 7 ottobre scorso alla presenza del cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, e del presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Silvio Berlusconi — la mostra, che si è chiusa proprio ieri,  è stata visitata da oltre centomila persone.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE