Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Benedetto XVI
spiega san Paolo

· Presentata a Istanbul la traduzione turca delle catechesi ·

«Non cesseremo mai di stupirci di fronte alla profondità spirituale e alla portata ecumenica che caratterizzano l’insegnamento dello spietato persecutore Saulo, poi convertitosi nello straordinario predicatore Paolo» scrive il patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo 1. 

Le parole sono tratte dalla prefazione al libro Aziz Pavlus, (Istanbul, Sakofset, 2014, pagine 146) che raccoglie tradotte in turco venti catechesi tenute da Benedetto XVI durante l’Anno paolino (l’edizione italiana è stata pubblicata nel 2009 dalla Libreria Editrice Vaticana): un’iniziativa realizzata dalla Fondazione Oasis in collaborazione con la Conferenza episcopale di Turchia. Il testo, introdotto sia dal patriarca che dal cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano e presidente di Oasis, fa seguito a un’analoga operazione in lingua araba, pubblicata quattro anni fa (Bûlus al-Rasûl, Jounieh Libano, 2010) e rappresenta per la fondazione il primo esperimento di traduzione in turco, affidato a un gruppo di religiosi e laici locali. Il libro viene presentato il 31 gennaio nella chiesa di Sant’ Antonio a Istanbul dal patriarca Bartolomeo, dal cardinale Scola, dal vescovo Louis Pelâtre, vicario apostolico di Istanbul, da Niyazi Öktem, che insegna Filosofia del diritto all’università Doğuş e Fatih di Istanbul e da Erendiz Özbayoğlu, professore emerito di Lingua e letteratura latina nella stessa università.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE