Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Battaglia sull’immigrazione

· Trump studia un nuovo ordine esecutivo per aggirare la corte suprema ·

«Terremo il Paese al sicuro, La sicurezza è il motivo per cui sono qui». Non lascia certo adito a dubbi il presidente statunitense, Donald Trump, nel chiarire alla stampa la linea che la sua amministrazione seguirà sul fronte dell’immigrazione. 

Il presidente Trump durante la conferenza stampa in cui ha annunciato le nuove misure sulla sicurezza (Ansa)

Dopo che una corte di appello federale, due giorni fa, ha bocciato il ricorso contro la sospensione del Muslim Ban, ora la Casa Bianca pensa a un nuovo ordine esecutivo con misure sulla sicurezza. «Molto rapidamente faremo qualcosa per la sicurezza del nostro paese» ha annunciato ieri Trump. La possibilità — ventilata dagli ambienti vicino alla Casa Bianca — è che il presidente scelga di emettere un nuovo ordine esecutivo sull’immigrazione in modo da aggirare il giudizio della corte suprema. Stando a fonti della Cnn, al dipartimento di giustizia sono già al lavoro sia sul ricorso alla corte suprema contro la decisione dei giudici federali, sia al nuovo ordine esecutivo. La strada è tuttavia molto intricata. La maggior parte degli analisti ritiene che quasi certamente Trump sceglierà di riscrivere l’ordine, riformulandolo in modo tale da evitare gli ostacoli finora posti dai giudici. Nelle ultime ore Trump è tornato ad accusare più volte i giudici, affermando che la sospensione del Muslim Ban è stata «politica», «una decisione vergognosa». Sul piano internazionale, ieri Trump ha incontrato a Washington il premier giapponese, Shinzo Abe. I due leader hanno ribadito la necessità di un rafforzamento della cooperazione tra i due paesi, tanto sul piano economico quanto su quello militare. Trump ha sottolineato che l’alleanza militare con il Giappone include le isole contese tra Pechino e Tokyo. L’impegno statunitense nel pacifico è «il fondamento della pace e della stabilità in Asia» ha dichiarato il presidente. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2018

NOTIZIE CORRELATE