Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Basta scartare fermiamoci in tempo

· Il Pontefice a un gruppo di economisti ·

Sabato 12 luglio Papa Francesco ha incontrato i partecipanti al Seminario internazionale svoltosi nella Casina Pio IV in Vaticano, sul tema «Per un’economia sempre più inclusiva», tra l’altro trattato nella sua esortazione apostolica Evangelii gaudium. Nel suo discorso pronunciato a braccio, il Pontefice ha criticato il “riduzionismo antropologico” imperante. “Credo che questo momento sia il tempo più forte del riduzionismo antropologico”, ha affermato, per poi domandarsi: “Quando l’uomo perde la sua umanità, che cosa ci aspetta?”. La risposta è nel richiamo a un tema caro al magistero di Papa Bergoglio. “Avviene — ha detto infatti — una politica, una sociologia, un atteggiamento “dello scarto”: si scarta quello che non serve, perché l’uomo non è al centro. E quando l’uomo non è al centro, c’è un’altra cosa al centro e l’uomo è al servizio di quest’altra cosa”. Ecco allora il merito dei congressisti, riunitisi per studiare nuove modalità per “salvare l’uomo, nel senso che torni al centro: al centro della società, al centro dei pensieri, al centro della riflessione. Portare l’uomo, un’altra volta, al centro”.

Del resto era stato lo stesso cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio consiglio della giustizia e della pace, a spiegare al Pontefice il senso dell’incontro dei settanta rappresentanti del settore pubblico e del mondo sia degli affari, sia economico, sia accademico riunitisi per due giorni in Vaticano. L'obiettivo, ha affermato, è di «rispondere alla sfida di promuovere un sistema economico e sociale adeguato alle sfide del ventunesimo secolo”. E “la volontà – ha aggiunto - è quella di offrire un contributo per la costruzione di una società più giusta e più equa”. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE