Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Basta salvarne uno

· L'ultimo romanzo di Tommy Wieiringa sullo sfruttamento dei migranti ·

L’ultimo romanzo di Tommy Wieiringa, Questi sono i nomi (Milano, Iperborea, 2014, pagine 336, euro 17), tratta temi attualissimi — l’emigrazione e la vergognosa tratta che ne fanno coloro che si offrono a questi disperati, ad altissimo prezzo, come soccorrevole àncora di salvezza, pronti invece ad abbandonarli a una morte certa — ma raccordandoli con i temi che sono propri di tutta la sua narrativa e che abbiamo trovato, ad esempio, nell’altro romanzo tradotto e pubblicato in Italia da Iperborea, Le avventure di Joe Speedboat (2009).

Qui lo stesso titolo richiama il motivo che era già centrale nel precedente romanzo, quello del nome.

Il nome è l’identità, significa un’appartenenza per Wieiringa, e i suoi personaggi, il Joe Speedboat dell’altro romanzo, i sopravvissuti emigranti di questo e ancor più, forse, il capo della polizia Pontus Beg, sono alla ricerca di questa appartenenza.
In Joe Speedboat era detto: «Nella Bibbia alcune figure cambiano nome quando la loro vita si trasforma radicalmente (...) Grazie al loro nuovo nome gli uomini di Dio sono diventati altre persone».
Qui il ragazzo, quello dei disperati che sembra più impersonare quel vitalismo che era proprio dei protagonisti del precedente romanzo e il solo che alla fine avrà una possibilità, dà di sé al capo della polizia Pontus Beg un nome diverso da quello che aveva dato agli altri compagni di viaggio e noi non sapremo mai quale sia quello vero. Comunque la sua possibilità di salvezza sarà solo a costo di cambiare identità, di cambiare lingua, religione, di rinascere nuovo, come potrà accadere del resto anche a Pontus Beg, dopo il bagno rituale che lo farà essere, appunto, “nuovo”, quando non pensava ormai più che potesse succedergli una cosa simile.
La narrazione procede su due piani paralleli, alternativamente capitolo per capitolo, l’uno che ci narra l’odissea di sette (che poi diverranno sei e poi cinque) ombre senza nome, morti viventi, e l’altro che ci descrive in contemporanea le vicende di un piccolo avamposto nella steppa, un paesino quasi abbandonato, il cui capo della polizia, Pontus Beg, solo, senza speranze, perché senza radici, improvvisamente e inaspettatamente scopre un’appartenenza, e per giunta molto importante e impegnativa, come quella ebraica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE