Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Porre fine
alla cultura dell’odio

· ​Iniziative promosse da Caritas Pakistan ·

«È urgente promuovere la pace e l’armonia interreligiosa nel paese. I gruppi radicali sono ben organizzati ed è nostro compito profondere maggiore impegno nella costruzione della pace e nella promozione dei diritti umani»: è quanto ha affermato Mansha Noor, segretario esecutivo della Caritas a Karachi a margine di un workshop, tenutosi nei giorni scorsi a Karachi, che ha riunito numerosi rappresentanti di organizzazioni non governative gestite da cristiani e vari gruppi ecclesiali, specialmente giovani.
Parlando ai partecipanti, Mansha Noor ha sottolineato come «i cristiani stiano portando avanti buone opere per lo sviluppo umano dei poveri e dei bisognosi. Occorre lavorare per il progresso della pace e dell’armonia nel paese — ha detto — per porre fine alla cultura dell’odio, della violenza e della discriminazione».
Il programma di formazione — riferisce l’agenzia Fides — organizzato dall’ente caritativo cattolico, intendeva appositamente sostenere la promozione di valori come la pace, la tolleranza, la fratellanza e l’armonia interreligiosa nel paese asiatico.
«La Chiesa cattolica — ha ricordato Rasheed Gill, animatore della commissione giustizia e pace nella Conferenza dei superiori maggiori del Pakistan — guarda alla nazione e compie un passo in avanti per formare persone e cittadini che si impegnano a edificare una società pacifica». Al momento, secondo Gill, la situazione nel paese è piuttosto preoccupante. «Vediamo quello che è accaduto nel caso di Asia Bibi», la donna cristiana assolta dopo un processo per blasfemia. «Vediamo quanto sia necessario dare un contributo a creare pace e armonia». Gill ha rimarcato che «molte volte i casi di accuse di blasfemia sono montati su false accuse a causa di dispute personali», per questo i promotori del workshop si sono trovati d’accordo nel programmare un intervento comune, progettando programmi e iniziative tese a rafforzare la pace e l’armonia interreligiosa nel paese.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE