Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Barbarie in Iraq

· Papa Francesco invita alla preghiera per le comunità cristiane del Medio Oriente mentre continuano a giungere notizie di efferate violenze ·

Sta assumendo sempre più i connotati di una vera barbarie l’offensiva dei miliziani jihadisti in Iraq. 

Macerie a Ramadi (Reuters)

Notizie di efferate brutalità si susseguono giorno dopo giorno, senza che nessuno riesca, almeno per il momento, ad arginare l’ondata di violenza. Questa mattina, Qassem Atta, portavoce per gli affari di sicurezza del premier Nuri Al Maliki, ha reso noto che centinaia di soldati sono stati decapitati e impiccati nelle altre zone controllate dai jihadisti dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (Isis). ggi l’arcivescovo di Mossul, Yohanna Petros Moshe, citato dalle agenzie di stampa, ha denunciato l’atto sacrilego compiuto dai miliziani che hanno abbattuto la statua della Vergine nel cortile della chiesa caldea dell’Immacolata. Papa Francesco attraverso un tweet ha invitato questa mattina alla preghiera «per le comunità cristiane del Medio Oriente, perché continuino a vivere là dove il cristianesimo ha le sue origini».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE