Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bandire l’antisemitismo

· ​Il Papa ricorda il rastrellamento del ghetto di Roma e la Kristallnacht ·

«Siamo chiamati a impegnarci perché l’antisemitismo sia bandito dalla comunità umana»: è l’appello lanciato da Papa Francesco durante l’udienza a un gruppo di delegati del World Congress of Mountain Jews provenienti da diversi paesi del Caucaso.

Judith Dazzio, «La notte dei cristalli»

Ricevendoli in udienza lunedì mattina, 5 novembre, nella Sala dei Papi, il Pontefice ha voluto ricordare gli anniversari di alcuni «tragici eventi» — il settantacinquesimo della distruzione del ghetto di Vilnius, in Lituania, e del rastrellamento di quello di Roma, e l’ottantesimo della “Kristallnacht” — per ribadire la necessità di «commemorare l’olocausto» affinché «del passato resti una memoria viva». Senza di essa, infatti, «non ci sarà futuro perché, se non impariamo dalle pagine più nere della storia a non ricadere nei medesimi errori, la dignità umana rimarrà lettera morta».

Ancora oggi, ha constatato Francesco, «purtroppo atteggiamenti antisemiti sono presenti». Anche per questo il Papa ha voluto riaffermare che «la libertà religiosa è un bene sommo da tutelare, un diritto umano fondamentale, baluardo contro le pretese totalitariste». E ha ricordato ancora una volta che «un cristiano non può essere antisemita», perché «le nostre radici sono comuni». Questo conferma «l’importanza dell’amicizia tra ebrei e cattolici», fondata «su una fraternità che si radica nella storia della salvezza» e «si concretizza nell’attenzione reciproca». Si tratta di «un dialogo — ha sottolineato — che in questo tempo siamo chiamati a promuovere e ad ampliare a livello interreligioso, per il bene dell’umanità».

Il discorso del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE