Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ban Ki-moon chiede prudenza

· Il segretario generale dell’Onu al Pentagono per parlare della crisi coreana ·

Primi segnali di Pyongyang per riaprire le trattative

Visita senza precedenti al Pentagono del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, che ha espressamente chiesto ai vertici militari statunitensi un incontro per parlare della grave crisi nella penisola coreana e sulle missioni per il mantenimento della pace che le Nazioni Unite dispiegano in molti Paesi. Ban Ki-moon, ricevuto con gli onori militari, ha avuto un colloquio di circa trenta minuti con il segretario alla Difesa, Chuck Hagel, e con il presidente dei comandi uniti il generale Martin Dempsey. Il segretario generale dell’Onu ha avvertito che il minimo incidente in questa fase potrebbe portare la situazione coreana a divenire incontrollabile.
«Si è molto discusso della Corea del Nord e dei rischi di un errore di giudizio o di un calcolo sbagliato» nell’attuale fase di tensione tra il regime comunista di Pyongyang, Seoul e Washington, ha riferito una fonte anonima del Pentagono.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE