Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bambini somali affamati

· Denuncia dell’Unicef ·

Drammatico e allarmante aumento in Somalia dei bambini colpiti o minacciati da malnutrizione acuta. Secondo gli ultimi dati dell’Unicef, il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, dall’inizio dell’anno il numero è cresciuto del 50 per cento, raggiungendo 1,4 milioni di bambini, di cui oltre 275.000 soffrono o soffriranno di malnutrizione acuta grave, rischiando la morte. I bambini gravemente malnutriti — sottolinea l’Unicef in un comunicato pubblicato a Ginevra — hanno nove volte più probabilità di morire di colera, diarrea acuta o morbillo, che si stanno sempre più diffondendo.

Uno dei bimbi gravemente malnutriti  in Somalia (Ap)

Il Corno d’Africa è colpito da una gravissima siccità, che dal novembre 2016 — solo in Somalia — ha provocato circa 615.000 sfollati, soprattutto donne e bambini. La siccità ha anche costretto circa 40.000 bambini a non frequentare più la scuola, in quanto le famiglie più vulnerabili si affidano ai propri figli per cercare acqua, o migrano in cerca di nutrimento.

Esistono prove di numerosi bambini che vivono in strada e di bambini sfollati reclutati in gruppi armati. Le donne e i bambini che hanno intrapreso un lungo viaggio, generalmente a piedi, verso posti in cui sperano di trovare assistenza e cibo, vengono spesso derubati o diventano vittime di soprusi peggiori, sia sulla strada verso i campi che nei campi stessi.

«Bisogna fare molto di più, e molto più velocemente, per salvare vite, perché la combinazione di siccità, malattia e sfollamento è mortale per i bambini», ha denunciato Steven Lauwerier, rappresentante Unicef in Somalia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE