Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bambini soldato
liberati in Nigeria

· ​Annuncio dell’Unicef ·

Sono stati liberati 833 bambini soldato in Nigeria, lo ha annunciato ieri l’Unicef. Il rilascio di questi bambini da parte della Civilian joint task force (Cjtf), una milizia nigeriana di autodifesa creata per lottare contro Boko Haram, a Maiduguri, «mostra l’impegno a implementare le disposizioni del Piano d’azione e a rispettare il diritto umanitario internazionale, le leggi sui diritti umani e altre legislazioni regionali e nazionali per proteggere i diritti dei bambini», ha dichiarato Pernille Ironside, vice rappresentante Unicef in Nigeria e copresidente della task force dell’Onu sul monitoraggio e la reportistica delle gravi violazioni dei diritti dei bambini. Questo è il primo formale rilascio di bambini dal Cjtf da settembre 2017 quando il gruppo ha firmato un piano d’azione in cui si impegnava a mettere in atto misure per porre fine e prevenire il reclutamento di bambini. Da allora, i membri dell’Onu hanno realizzato operazioni congiunte di verifica sul campo per accertare la presenza e l’associazione dei bambini nelle strutture di comando e nelle fila del Cjtf. Ad oggi, un totale di 1.469 bambini — 1.175 ragazzi e 249 ragazze — associati al gruppo armato sono stati identificati nella città di Maiduguri. «Questa è una pietra miliare importante nel porre fine al reclutamento e l’utilizzo di bambini, ma molti altri bambini sono ancora tra le fila di altri gruppi armati in ruoli di combattimento o supporto» ha ancora dichiarato Pernille Ironside, che chiede «a tutte le parti di smettere di reclutare i bambini».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE