Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bagno di sangue nello Yemen

· Mentre otto milioni di bambini non hanno accesso alle cure sanitarie ·

Nuovo bagno di sangue nello Yemen. Almeno 28 ribelli huthi e dodici soldati yemeniti sono morti in violenti scontri nella provincia meridionale di Shabwa nel corso di un’offensiva delle truppe governative. Gli scontri sono iniziati quando le forze leali al presidente, Abd Rabbo Mansour Hadi, hanno attaccato i ribelli nel distretto di Bayhan al confine tra le provincie di Shabwa e Marib. Bayhan è l’unica area di Shabwa ancora controllata dagli huthi.

Combattimenti nel sud del paese tra forze lealiste e ribelli huthi (Afp)

Le truppe governative, grazie al sostegno della coalizione guidata dall’Arabia Saudita, sono riuscite a espellere i ribelli huthi da cinque province. Ma gli huthi continuano a controllare la capitale Sana’a dal 2014 e molte regioni a nord.

E intanto, la situazione umanitaria nel paese continua a peggiorare. Otto milioni di bambini non hanno accesso alle cure sanitarie. La denuncia è contenuta in un nuovo rapporto di un’organizzazione internazionale secondo la quale il tasso di mortalità infantile in Yemen è in aumento: almeno 1219 bambini sono morti come risultato diretto dei combattimenti, ma a essi se ne aggiungono diecimila che hanno perso la vita per cause indirette legate al conflitto, come la cronica mancanza di forniture mediche e di personale. Il sistema sanitario è al collasso: più di 270 strutture sanitarie sono state danneggiate a causa della guerra e più della metà delle 3500 strutture sanitarie sono attualmente chiuse.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE