Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Azioni concrete
per l’equità sociale

· ​Comece e Cec sul summit Ue di Göteborg ·

Il “pilastro europeo per i diritti sociali” è «un passo vitale e ulteriore verso un’economia sociale di mercato europea. Per questo apprezziamo il consenso di alto livello raggiunto con la sua proclamazione da parte di Parlamento, Consiglio e Commissione». È quanto si sostiene in una nota congiunta diffusa dai segretariati della Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece) e della Conferenza delle Chiese europee (Cec) a seguito della firma dell’importante documento, il “pilastro europeo per i diritti sociali”, avvenuta nei giorni scorsi a Göteborg a conclusione del «summit sociale per il lavoro e la crescita equi» che ha radunato in Svezia capi di stato e di governo dell’Ue, responsabili delle istituzioni europee e leader delle associazioni di categoria e sociali del vecchio continente.
Il “pilastro” stabilisce venti tra principi e diritti fondamentali per sostenere il buon funzionamento e l’equità dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale. Principi e diritti che sono articolati in tre categorie: pari opportunità e accesso al mercato del lavoro; condizioni di lavoro eque; protezione e inclusione sociali. «Incoraggiamo l’Unione europea e i suoi stati membri a tradurre il documento in azioni concrete, coinvolgendo tutti i partner — comprese le organizzazioni ecclesiali e religiose — al fine di creare un mercato interno più radicato ed equo, per un’Europa più sociale e per il beneficio di tutti nell’Ue», scrivono nella nota Comece e Cec.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE