Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Autonomia a senso unico

· Se le domande scomode finiscono nel cestino ·

Mario Sironi, «Paesaggio urbano» (1920)

Ferdinando Cancelli parte dal caso recente del Québec – dove l'Assemblea nazionale, contro il parere del governo federale, ha stabilito che sarà possibile per i curanti fornire un «aiuto medico a morire» in casi selezionati di pazienti in fase avanzata di malattia con «sofferenze eccezionali» - per denunciare "un certo modus operandi che sempre più spesso politica e società paiono adottare quando sul piatto vi sono questioni bioetiche importanti".

Oggi, scrive Cancelli, "le riflessioni sulla vita, sia essa all’inizio o al termine, a fronte di uno sbandierato pluralismo di idee e di vedute tendono sempre più a essere a senso unico. In altre parole, la discussione - specie se pubblica - tende a essere monodirezionale e a escludere qualsiasi voce che tenda ad andare in direzione opposta. E occorre ribadire: a escludere piuttosto che a confutare". 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE