Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Atti mai giustificabili

· Il dolore e la preghiera del Papa per le vittime delle stragi in Sri Lanka ·

«I martiri di ogni tempo, con la loro fedeltà a Cristo, raccontano che l’ingiustizia non ha l’ultima parola: nel Signore risorto possiamo continuare a sperare». Lo ha scritto Papa Francesco con un tweet sull’account @Pontifex mercoledì 24 aprile. Nel giorno dell’udienza generale in cui ha ripreso le catechesi sul Padre nostro, il Pontefice ha usato i social media per mantenere viva l’attenzione sul dramma vissuto a Pasqua dal popolo dello Sri Lanka, dove, in una serie di vili attacchi terroristici contro chiese cristiane e alberghi, sono rimaste uccise oltre 350 persone e ferite più di 500. Già al termine del tradizionale messaggio «urbi et orbi», quando si era appresa la notizia del massacro nel paese asiatico, in una piazza San Pietro gremita da oltre settantamila fedeli, Francesco aveva parlato «dei gravi attentati che, proprio oggi, giorno di Pasqua, hanno portato lutto e dolore», manifestando la propria «affettuosa vicinanza alla comunità cristiana, colpita mentre era raccolta in preghiera, e a tutte le vittime di così crudele violenza». «Affido al Signore quanti sono tragicamente scomparsi e prego per i feriti e tutti coloro che soffrono a causa di questo drammatico evento», aveva aggiunto per poi ritornare sull’argomento il giorno seguente al Regina caeli del lunedì dell’Angelo: «Sono molto vicino al mio caro fratello, il cardinale Malcolm Ranjith Patabendige Don, e a tutta la Chiesa arcidiocesana di Colombo» ha spiegato assicurando preghiere per i morti e i feriti e chiedendo «a tutti di non esitare a offrire a questa cara nazione tutto l’aiuto necessario». Con il conseguente auspicio «che tutti condannino questi atti terroristici, atti disumani, mai giustificabili». I riti pasquali in San Pietro avevano avuto inizio la sera di sabato 20 con la celebrazione della veglia nella Notte santa, durante la quale il Papa ha amministrato i sacramenti dell’iniziazione cristiana a otto catecumeni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE