Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Attesa per la tregua

· Nello Yemen devastato da un sanguinoso conflitto ·

Un cessate il fuoco di 72 ore, rinnovabile, deve entrare in vigore oggi alla mezzanotte nello Yemen dove i belligeranti, sotto pressione, sembrano più disposti a compromessi. Questo per mettere fine a un conflitto che ha provocato 6900 morti, oltre 35.000 feriti, almeno tre milioni di sfollati e devastato un’economia di un paese considerato prima dell’inizio delle ostilità il più povero della penisola arabica.

Una famiglia di profughi yemeniti nei pressi della capitale Sana’a (Reuters)

L’Arabia Saudita è pronta ad acconsentire a una tregua in Yemen, se vi aderiranno i ribelli huthi. Lo ha affermato il ministro degli esteri saudita, Adel Al Jubeir, che si è detto tuttavia scettico sulla possibilità di arrivare alla pace, visto il fallimento dei precedenti tentativi di cessate il fuoco. «Avremmo voluto vedere un cessate il fuoco già ieri — ha detto Al Jubeir parlando ai giornalisti a Londra — Tutti vogliono il cessate il fuoco, nessuno più dell’Arabia Saudita e dei membri della coalizione» che appoggia il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi. Il ministro degli esteri saudita ha poi accusato i ribelli di aver fatto fallire i precedenti accordi. «Per questo — ha detto — arriviamo a questo punto con un certo scetticismo. Ma siamo pronti, il governo yemenita è pronto a concordare una cessazione delle ostilità se anche gli huthi sono d’accordo. I paesi della coalizione rispetteranno il volere del governo yemenita». Il segretario di stato americano, John Kerry, ha chiesto ieri sera non solo il rispetto della tregua, ma pure il suo prolungamento senza condizioni. Anche la Farnesina ha accolto ieri con favore l’annuncio dell’inviato speciale dell’Onu, Ismail Ould Cheikh Ahmed, sul raggiungimento di un’intesa per una cessazione delle ostilità tra le parti del conflitto. Intanto, un drone ha ucciso ieri otto miliziani di Al Qaeda nello Yemen meridionale (provincia di Shabwa). I terroristi colpiti da missili erano a bordo di due veicoli.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE