Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In attesa
degli aiuti umanitari

· L’inviato dell’Onu per la Siria Staffan de Mistura deplora il ritardo nonostante la tregua ·

Sostanzialmente regge ancora la tregua in Siria nonostante isolate violazioni, ma «si sta perdendo tempo» nella consegna degli aiuti umanitari, rischiando di sprecare questa preziosa opportunità. La denuncia è venuta ieri dall’inviato speciale dell’Onu, Staffan de Mistura, che ha parlato di una situazione «deplorevole» e ha puntato il dito contro chi crea ostacoli burocratici alle operazioni di soccorso. 

Dal canto suo, l’esercito russo ha affermato che le truppe governative siriane hanno iniziato il ritiro di tank, blindati e mezzi di artiglieria per dar vita a zone “demilitarizzate”, in particolare lungo la strada di Castello, attraverso la quale dovrebbero passare i convogli diretti verso la parte orientale di Aleppo, controllata dai ribelli e assediata dai lealisti. Ma l’esercito russo ha accusato gli insorti di non avere fatto altrettanto. De Mistura ha tuttavia sottolineato che il problema riguarda anche altre cinque aree nel Paese, per le quali Damasco non ha ancora concesso i salvacondotti che dovrebbero permettere il passaggio dei convogli. Per quanto riguarda Aleppo, l’inviato dell’Onu per la Siria ha spiegato che gli attuali posti di blocco dovrebbero essere sostituiti da altri, ma non ha specificato quali. Nel frattempo, Mosca, che pure giovedì aveva sancito il rispetto sostanziale della tregua in una verifica con Washington dopo le prime 48 ore, ha continuato ieri a criticare l’atteggiamento degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, però, il vice ministro della difesa russo, Gennady Gatilov, ha sottolineato che De Mistura potrebbe riconvocare negoziati di pace tra governo e opposizioni alla fine di settembre o a ottobre.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE