Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Attentato causa
decine di morti in Somalia

Gli estremisti islamici somali di Al Shabaab sono tornati a spargere terrore e sangue a Mogadiscio facendo esplodere quattro autobombe guidate da kamikaze di fronte a un hotel e provocando almeno venti morti e diciassette feriti. Il bilancio potrebbe essere più grave e contare fino a trenta morti, anche perché non è stato chiarito se le cifre fornite dalla polizia includono anche gli attentatori suicidi e quattro terroristi uccisi mentre cercavano di assaltare l’albergo.

Secondo una ricostruzione della sequenza di esplosioni, prima sono saltate in aria due vetture e dopo circa una ventina di minuti un altro mezzo a tre ruote. Una quarta autobomba è esplosa mentre diversi medici stavano soccorrendo i feriti. Subito dopo le deflagrazioni un commando di terroristi ha cercato di entrare nell’hotel Sahafi passando attraverso una apertura provocata dalle esplosioni nel muro di cinta. Gli assalitori sono stati uccisi da polizia e forze di sicurezza della struttura.

Attraverso la loro emittente radiofonica, i terroristi hanno rivendicato gli attentati. Cellula somala di Al Qaeda dal 2012, Al Shabaab vuole imporre una versione estrema della sharia, la legge islamica, in un paese devastato da una guerra civile iniziata nel 1991. Espulsi con la forza da Mogadiscio nel 2011, gli Shabaab hanno perso il controllo della maggior parte delle città ma conservano una notevole presenza nel sud e centro del paese da dove organizzano attentati. Anche se non rivendicato, viene attribuito a loro anche l’attacco con due camion bomba che nell’ottobre dell’anno scorso a Mogadiscio causò la peggiore strage terroristica mai perpetrata in Somalia e una delle più sanguinose al mondo degli ultimi anni, con un bilancio di 512 morti e 316 feriti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE