Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Attentato
abominevole

· ​Ferma condanna dell’Università di Al-Azhar ·

Nizza, 15. Ferma condanna dell’attacco terroristico di Nizza, nonché solidarietà e vicinanza al popolo francese giungono dalle più importanti autorità islamiche. L’università di Al-Azhar, la massima istituzione del mondo sunnita con sede al Cairo, ha espresso un secco rifiuto ad ogni forma di violenza e ha condannato l’attentato facendo appello all’unità per «liberare il mondo dal terrorismo. Questi abominevoli attentati terroristici — si legge in un comunicato — contraddicono gli insegnamenti dell’islam».

Un uomo stringe a sé una bambina poco dopo l’attacco (Ap)

Anche il Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm) e la grande moschea di Parigi hanno condannato il vile gesto ed invitano i francesi a stare uniti. «La Francia è stata colpita ancora una volta da un attentato di un’estrema gravità» ha scritto il Cfcm in un comunicato, condannando questo attacco «odioso che prende di mira il nostro Paese nel giorno stesso della festa nazionale che celebra i valori della libertà, dell’uguaglianza e della fraternità». Il Cfcm, si legge ancora nel comunicato, esprime «la sua totale solidarietà agli abitanti di Nizza, manifesta la sua profonda compassione alle famiglie delle numerose vittime e augura un pronto ristabilimento ai feriti». E a tutti i musulmani francesi viene rivolto un invito a dedicare la preghiera del venerdì alla «memoria delle vittime di questo barbaro attacco».

Anche il rettore della moschea ed ex presidente del Cfcm, Dalil Boubakeur, ha dichiarato di essere profondamente costernato, chiamando «all’unità tutti i cittadini davanti a questa nuova terribile prova che mette in lutto tutta la comunità nazionale».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE