Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Attacco
sugli Champs Élysées

· ​Auto si schianta contro una camionetta della polizia e prende fuoco ·

Agenti della scientifica esaminano l’auto del killer sugli Champs Élysées (Reuters)

Ancora paura nel cuore di Parigi, sugli Champs Élysées. Ieri pomeriggio un’auto si è schiantata contro una camionetta della gendarmeria e ha preso fuoco subito dopo l’impatto. Il conducente è stato estratto dall’abitacolo ancora in fiamme, ma i poliziotti hanno potuto solo constatarne la morte. L’uomo aveva una pistola addosso. Secondo il quotidiano «Le Parisien» l’uomo di 31 anni era nato ad Argenteuil, in Val-d’Oise ed era già noto ai servizi di intelligence. Era schedato con la cosiddetta “fiche s”. Nella sua auto sono state ritrovate una bombola di gas, un kalashnikov e delle cartucce. Sulla vicenda l’antiterrorismo ha aperto un’inchiesta, ma non è ancora chiaro se l’uomo avesse o meno contatti con cellule jihadiste. L’impatto è avvenuto intorno alle 15.45 (ora locale). Subito dopo, nel giro di pochi minuti, il posto è stato raggiunto da decine di volanti della polizia e i gendarmi hanno isolato la zona. Con un tweet la prefettura della capitale francese ha i nvitato abitanti e turisti a evitare l’area e per motivi di sicurezza è stata chiusa la fermata metro Champs Élysées Clemenceau. Dopo circa un’ora l’allarme è rientrato. «Situazione sotto controllo, non ci sono feriti né tra i civili né tra le forze dell'ordine» ha fatto sapere la prefettura in un altro tweet. Secondo una fonte della gendarmerie, l’attentatore voleva far esplodere una bombola di gas, ma non c’è riuscito. Testimoni che si trovavano agli Champs Élysées al momento dell’attacco hanno raccontato di avere visto «un’implosione» all’interno del veicolo. «Ho visto una colonna di camionette della gendarmeria prendere gli Champs Élysées. Si sono fermate trecento metri prima della rotonda del Grand Palais, c’era una macchina che sembrava bloccarle. Dei gendarmi sono scesi dalle loro vetture — affermano le fonti citate da numerosi giornali — e a quel punto ho visto l’implosione. Alcuni poliziotti hanno rotto i vetri dell’auto e hanno tirato fuori un uomo che hanno poi messo a terra». Le autorità francesi hanno fatto sapere che l’attentatore è morto subito dopo l’impatto a causa delle ferite riportate. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE