Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cento morti per un attacco chimico

· Nella città siriana di Khan Sheikhun ·

È di almeno cento morti e oltre 400 feriti il bilancio dell’attaco aereo condotto con gas tossici sulla città di Khan Sheikhun, nella provincia di Idlib, nella Siria nordoccidentale. È quanto afferma la televisione Al Arabya che cita fonti sanitarie di Idlib.

Un bambino riceve assistenza medica (Ansa)

Membri dell’opposizione siriana hanno postato immagini che mostrano i volontari della protezione civile che soccorrono i feriti distesi a terra lavandoli con i tubi dell’acqua. In altri video si vedono alcuni bambini morti nell’attacco, che secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) con sede nel Regno Unito, sarebbero almeno 11. Subito dopo la diffusione delle notizie dell’attacco la Francia ha chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il ministro degli esteri francese, Jean-Marc Ayrault, ha parlato di azione «mostruosa». Analogo il commento dell’alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea, Federica Mogherini. È «un drammatico promemoria del fatto che la situazione sul terreno continua ad essere drammatica» ha detto, aggiungendo: «Ovviamente c’è una primaria responsabilità del regime, perchè la sua responsabilità è quella di proteggere il suo popolo, non di attaccarlo». E, intanto, i ministri degli esteri dell’Ue hanno dato ieri il loro via libera, durante la riunione del Consiglio europeo a Lussemburgo, alla strategia comune sulla Siria. Si tratta di un documento in sei punti, proposto dall’alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini, che oggi ha convocato a Bruxelles una conferenza «per sostenere il futuro della Siria e della regione». Mogherini ha sottolineato che nei prossimi giorni si affronterà la questione del sostegno umanitario, ricordando che «l’Ue è il primo donatore per la regione». Ma, ha aggiunto, «ci concentreremo anche sul sostegno ai colloqui politici di Ginevra». Nel frattempo, lo stanziamento di aiuti umanitari per 262 milioni di dollari a favore della popolazione siriana è stato deciso in occasione della conferenza dei donatori che per due giorni a Doha, capitale del Qatar, ha riunito l’Onu e 25 organizzazioni non governative della regione. L’inviato dell’Onu in Siria per le questioni umanitarie, Ahmed bin Mohammed Al-Muraikhi, ha sottolineato che per fare fronte alla colossale crisi umanitaria che affligge la Siria occorrerebbero otto miliardi di dollari solo per il 2017.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE