Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Attacco a Boko Haram

· Bombardamenti aerei delle forze ciadiane costringono le milizie jihadiste al ritiro da una città nigeriana ·

Le forze ciadiane inviate in Camerun per contrastare le incursioni dalla Nigeria di Boko Haram sono già entrate in azione, con bombardamenti aerei sferrati contro il gruppo jihadista in territorio nigeriano.

Soldati del Ciad impegnati nelle operazioni contro i terroristi (Afp)

L’intervento dell’aviazione di N’Djamena ha costretto ieri i miliziani di Boko Haram a ritirarsi dalla città di Malumfatori, nello Stato nordorientale di Borno, che avevano conquistata lo scorso ottobre. La notizia è stata confermata dal Governo nigeriano che da parte sua ha rivendicato, sempre ieri, la riconquista di un’altra città, Michika, e di alcuni villaggi nel vicino Stato dell’Adamawa. In serata, però, testimoni hanno riferito che i villaggi sarebbero ancora preda di devastazioni e violenze a opera del gruppo jihadista, responsabile da cinque anni a questa parte di attacchi armati e attentati terroristici che hanno provocato migliaia di morti tra la popolazione nigeriana — tredicimila secondo fonti concordi — e oltre un milione e mezzo di sfollati. Poche ore prima, all’apertura del vertice ad Addis Abeba dei capi di Stato e di Governo dell’Unione africana, era stato annunciato un piano che prevede il dispiegamento di circa settemilacinquecento militari per contrastare Boko Haram.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE