Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Atene ultima fermata

· Le elezioni politiche in Grecia ·

Chi ha in mano il futuro dell'Europa? Esistono oggi leader in grado di fare la differenza, di indicare la strada, di prendere decisioni che contano, anche a rischio di essere impopolari? Con le elezioni greche si aprono dieci giorni decisivi per la sopravvivenza della moneta unica. La partita che si gioca ad Atene è la partita dell'Europa, una partita in cui si affrontano due visioni opposte dell'integrazione — una fiscale e tecnocrate, l'altra politica e basata sulla fiducia reciproca — due visioni che oggi sono chiamate a convivere, a trovare una sintesi difficile ma necessaria. Pena la disintegrazione totale del progetto comunitario.

L'aria che si respira nelle piazze ateniesi è un misto di paura, rancore e frustrazione. Le fila di fronte ai bancomat si allungano: tutti cercano il contante, fuggono dalle banche, attendono gli ultimi responsi delle Borse. Tutti sanno che chiunque uscirà vincitore dalle urne non potrà governare il Paese se non con un progetto di lungo termine, con il coraggio di fare scelte impopolari, con la capacità di non fare la vittima inerme, il mendicante con i partner europei. In queste ore Atene è il laboratorio del futuro dell'Unione, in cui si sperimenta il definitivo passaggio da un modello di politica nazionale, fondato su criteri e ideologie del passato, a un nuovo modello di politica continentale. Un modello tutto da costruire.

I sondaggi danno in testa il partito di centrodestra di Antonis Samaras, Nea Demokratia, uscito primo dalle consultazioni del 6 maggio con il 18,8 per cento. Favorevole alla permanenza del Paese nell'eurozona, Nea Demokratia aveva criticato il primo bailout internazionale, quando era ancora all’opposizione, ma poi ha approvato il secondo. È così entrata a far parte del Governo Papademos insieme ai socialisti del Pasok. Ora Samaras intende restare nell'euro, mantenere il memorandum stilato con la troika (Ue, Fmi, Bce) e lanciare un programma di crescita basato sui tagli agli sprechi, sulla lotta alla corruzione e sulla riduzione delle tasse.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE