Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Assad favorevole al ritorno dei profughi in Siria

Il presidente siriano Bashar al Assad si è detto pronto a creare le condizioni necessarie al ritorno dei rifugiati in Siria. È quanto ha annunciato il ministero degli esteri russo, riferendo di un incontro tra Assad e una delegazione di funzionari russi giunta a Damasco.

Secondo dati delle Nazioni Unite, sono più di cinque milioni i siriani che hanno lasciato il paese da quando, nel marzo del 2011, è scoppiata la guerra.

Nel comunicato di Mosca si legge che la delegazione russa — guidata dall’inviato per la soluzione della crisi siriana, Alexander Lavrentyev — ha concentrato i colloqui con Assad sul «recupero postbellico, inclusa la possibilità di ritorno il più presto possibile dei rifugiati e degli sfollati interni». La Russia ha anche annunciato un coordinamento in atto con Giordania e Libano per favorire il ritorno dei rifugiati in Siria.

Da parte sua, Assad ha assicurato di essere «pronto a creare le condizioni di sicurezza e di dignità richieste per il ritorno dei rifugiati siriani nella loro patria».

Intanto, le Nazioni Unite e gli operatori siriani hanno iniziato la distribuzione di aiuti umanitari nella regione del Ghouta orientale, a est di Damasco, riconquistata in primavera dalle forze siriane dopo che per anni era stata una enclave ribelle. Lo ha confermato la Mezzaluna rossa siriana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE