Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Asia Bibi
assolta e liberata

· ​La decisione della Corte suprema pakistana ·

La corte suprema del Pakistan ha assolto oggi, in appello, Asia Bibi, la donna cattolica condannata a morte per blasfemia nel 2010. «La pena di morte viene annullata. Asia Bibi è assolta da tutte le accuse» ha detto il presidente della corte suprema, Saqib Nisar, leggendo il verdetto che ha disposto anche il rilascio immediato della donna. L’assoluzione piena è arrivata perché «sono state riscontrate contraddizioni nelle testimonianze». Come è noto, Asia Bibi è stata picchiata e stuprata prima di finire in carcere. La donna ha sempre negato le accuse affermando di essere perseguitata e discriminata a causa del suo credo religioso. Nel 2010 un giudice ha emesso la sentenza di condanna a morte. La famiglia ha immediatamente presentato ricorso alla corte suprema di Lahore. Il 16 ottobre 2014, dopo quasi quattro anni dalla presentazione del ricorso avverso alla sentenza di primo grado, si è pronunciata l’alta corte confermando la pena capitale per la donna. Il 22 giugno 2015 è stata sospesa la pena capitale, rimandando il processo a un tribunale. La vicenda di Asia Bibi ha suscitato emozione e proteste in tutto il mondo.

Ieri il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, nell’omelia della celebrazione eucaristica nella solennità di Sant’Angelo d’Acri, aveva evocato l’esempio di Asia Bibi, che «prigioniera da anni in Pakistan per il nome di Gesù, in carcere pur invocando la giustizia e la verità, ha già perdonato i suoi accusatori e coloro che la tengono prigioniera».

La sentenza, in effetti, ha fatto salire la tensione all’interno della società pakistana: il partito politico radicale Tehreek-e-Pakistan Labbaik (Tlp) aveva minacciato «conseguenze pericolose» se i giudici avessero dichiarato innocente Asia Bisi. Oggi sostenitori del Tlp sono scesi in strada in diverse zone del Pakistan per protestare contro la decisione della Corte suprema. I vertici del Tlp hanno invocato la morte per i giudici. Le autorità hanno schierato l’esercito per evitare il degenerare delle violenze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE