Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In ascolto del grido
della città di Roma

· Il Papa celebra la Pentecoste ·

Due gemiti si intrecciano e si innalzano a Dio: quello dello Spirito Santo e quello dei poveri. Essi gridano il loro dolore, il loro bisogno, la loro richiesta di aiuto. Come lo Spirito fa proprio questo grido, così ogni abitante della città deve mettersi in ascolto, scendere dalle posizioni di comodo e di prestigio e iniziare a condividere le situazioni di disagio e di sofferenza. Quello dell’ascolto del “gemito della città” è l’invito rivolto da Papa Francesco a Roma e ai suoi cittadini durante la messa vespertina di Pentecoste, celebrata sabato 8 giugno, alle 18, in piazza San Pietro, alla presenza di circa cinquantamila fedeli. L’indomani mattina, domenica 9, il Pontefice ha poi presieduto l’Eucaristia per la solennità, conclusasi con la recita del Regina Caeli e con un appello di pace per il Sudan affinché cessino le violenze nel Paese africano. 

L'omelia del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE