Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Arrivederci in Chiapas

Il cuore della gente del Chiapas è aperto, perché «attende il Papa come missionario della misericordia e della pace che viene a confermare nella fede, ad alimentare la speranza e a sostenere nella carità». Con soddisfazione l’arcivescovo di Tuxtla Gutiérrez, monsignor Fabio Martínez Castilla, parla del viaggio che il Pontefice compirà a febbraio in Messico. 

Presente all’udienza generale di mercoledì 16 dicembre, in piazza San Pietro, il presule ha spiegato che considera particolarmente importanti due incontri che il Papa terrà nello Stato del Chiapas. Il primo a San Cristóbal de Las Casas, dove, nel centro sportivo municipale, celebrerà la messa con le comunità indigene e pranzerà con alcuni loro rappresentanti. Il secondo proprio a Tuxtla Gutiérrez, nello stadio Victor Manuel Reyna, dove saluterà le famiglie provenienti da tutto il Paese. Il presule ha quindi sottolineato come la Chiesa locale abbia bisogno di essere illuminata nel cammino, e come questa visita aiuterà la comunità a fortificare «il sogno di pace, di armonia, di giustizia, di fraternità di cui ha tanto bisogno il popolo messicano». Sicuramente, ha aggiunto, il Pontefice «imprimerà una nuova vitalità, perché siamo sempre più una Chiesa missionaria, misericordiosa e buona samaritana».

La delegazione ufficiale del Governo dello Stato del Chiapas, venuta per incontrare il Papa in occasione dell’inaugurazione della mostra «Navidad mexicana en el Vaticano. Chiapas» era composta anche dal governatore Manuel Velasco Coello e da alcuni indigeni: Simona, Catalina, Rosel e Guadalupe. Questi ultimi hanno donato al Pontefice manufatti tipici della loro cultura prodotti artigianalmente: una sorta di sciarpa blu e rossa — i colori del club Atlélico San Lorenzo de Almagro, la squadra di calcio argentina di cui è tifoso Bergoglio — e una statua lignea della Vergine di Guadalupe; una colomba della pace in terracotta e una medaglia raffigurante fra Bartolomé de las Casas; uno strumento musicale in miniatura e una croce in legno con un coprileggio ricamato a mano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE