Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Arrestati cinque terroristi
per le stragi di Parigi e Bruxelles

· Fermato dalle forze di sicurezza nella capitale belga anche il super ricercato Abrini ·

Cinque persone sono state arrestate ieri nel corso di nuove operazioni antiterrorismo a Bruxelles. Tra di esse ci sono Mohammed Abrini e Osama Krayem. Lo ha confermato ieri sera la procura federale. Le indagini proseguono per determinare se si tratti rispettivamente del famigerato “uomo col cappello” dell’attacco all’aeroporto di Zaventem e della quarta persona vista nella metro a Pétillon con Khalid El Bakraoui prima che questi si facesse esplodere a Maelbeek.

Il momento della cattura del terrorista Abrini (Reuters)

La svolta nelle indagini — per una volta non trapelate in anticipo sui media — è arrivata con l’identificazione di Abrini tramite diverse tracce di dna dopo l’arresto ad Anderlecht — quartiere di Bruxelles a pochi passi dalla Gare du Midi e da Molenbeek. Le tracce, ha detto la procura, sonon state trovate non solo nell’appartamento di Schaerbeek, da dove sono partiti gli attentatori suicidi per Zaventem, ma anche in quello dove sono state confezionate le cinture esplosive per Parigi e nell’appartamento di Forest dove c’era stato lo scontro a fuoco tre giorni prima della cattura di Salah Abdeslam. Inoltre, tracce erano presenti nella Clio nera usata per le stragi di Parigi.

Osama Krayem, ha confermato la procura, è stata la persona ad acquistare i borsoni a City2 usati per gli attentati. Tra gli altri tre arrestati, c'è poi Hervè B.M., fermato in compagnia di Krayem. La procura per il momento non può affermare con certezza il ruolo svolto da Abrini e Krayem e quindi le verifiche proseguono. L'operazione degli arresti, dalle immagini trapelate sui social, è stata compiuta con precisione chirurgica: uomini e auto in borghese delle forze speciali hanno messo a terra e bloccato Abrini per strada. Maggiori dettagli, ha aggiunto la procura, verranno resi noti se possibile nel corso delle prossime ore.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE