Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Arca di carità

· In Brasile la beatificazione di Francisco de Paula Victor ·

Forte e umile allo stesso tempo. Così il cardinale Angelo Amato ha sottolineato le due virtù che più spiccano nella vita di don Francisco de Paula Victor, il sacerdote brasiliano di origine africana che sabato 14 novembre è stato beatificato in Brasile.

Presiedendo il rito, in rappresentanza di Papa Francesco, nell’ex-aeroporto di Três Pontas, nello Stato di Minais Gerais, il porporato ha ricordato che alcuni con disprezzo lo chiamavano «pretinho e non gli risparmiavano umiliazioni per il fatto che era di discendenza africana». All’inizio infatti «avevano pregiudizi razziali contro di lui. Ma poi furono conquistati dalla sua modestia, dalla sua bontà e dalla sua simpatia». Il cardinale ha tratteggiato alcune caratteristiche della personalità di don Victor, che era «di animo nobile. Non si lasciò coinvolgere dalla mentalità elitaria dei sacerdoti, ma coltivò la virtù dell’umiltà e della semplicità». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE