Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Appuntamento con la Madre

· Alla vigilia del pellegrinaggio del Pontefice a Fátima ·

Papa Francesco ha dato appuntamento al popolo portoghese «ai piedi della Vergine Madre»: in un videomessaggio trasmesso mercoledì pomeriggio, 10 maggio, a poche ore dal suo arrivo a Fátima per le celebrazioni del centenario delle apparizioni mariane, il Pontefice si scusa per non aver potuto accogliere l’invito a recarsi anche in «case e comunità», «villaggi e città». E ringrazia per «la comprensione con cui le autorità hanno accettato» la sua «decisione di limitare la visita ai momenti e agli atti abituali in un pellegrinaggio al santuario».

Pellegrini giunti in questi giorni a Fátima per le celebrazioni del centenario delle apparizioni (Ansa)

Spiega Francesco che «nella funzione di pastore universale» vorrebbe offrire alla Madonna «l’omaggio dei più bei “fiori” che Gesù ha affidato» alle sue cure, ovvero tutti i fratelli e le sorelle di ogni parte del mondo, «senza escludere nessuno». Ecco perché — aggiunge — ha bisogno «della comunione, fisica o spirituale, l’importante è che venga dal cuore» di tutti i portoghesi, per comporre il proprio «omaggio floreale. E così — assicura riprendendo le parole della Vergine nell’apparizione di giugno 1917 — formando tutti “un cuore solo e un’anima sola” vi affiderò alla Madonna, chiedendole di sussurrare a ciascuno: “Il mio cuore immacolato sarà il tuo rifugio”».

Quindi il Papa commenta il motto del pellegrinaggio «Con Maria, pellegrino nella speranza e nella pace», in cui si «racchiude tutto un programma di conversione». Dicendosi «lieto di sapere che, a questo momento benedetto che corona un secolo di momenti benedetti» i portoghesi si sono «preparati con intensa preghiera». Da qui la gratitudine «per le preghiere e i sacrifici che quotidianamente» essi offrono per lui e di cui ha bisogno perché, confida, «sono un peccatore tra peccatori». Infatti, «la preghiera illumina i miei occhi per sapere vedere gli altri come Dio li vede, per amare gli altri come Egli li ama». Il messaggio si chiude con la promessa del Pontefice di recarsi in Portogallo per «condividere con tutti il Vangelo della speranza e della pace».

Il videomessaggio del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE