Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Appello del Wcc per l’emergenza ebola

· Mobilitate le strutture sanitarie cristiane dei Paesi africani ·

Il Consiglio ecumenico delle Chiese (World Council of Churches, Wcc) ha espresso «profonda preoccupazione» e vicinanza a tutte le sue Chiese membro in Africa occidentale per le terribili notizie riguardanti «la crisi Ebola e il suo impatto devastante sulla vita di migliaia di uomini, donne e bambini che vivono in Liberia, Sierra Leone, Guinea e Nigeria. Quello che colpisce uno di noi — ha scritto in una lettera Isabel Apawo Phiri, membro esecutivo del Wcc — ci riguarda tutti. Nel riconoscere l’ansia, la preoccupazione e l’isolamento dei pazienti e delle loro famiglie, nonché i rischi affrontati dai tanti operatori sanitari locali, internazionali e volontari che stanno offrendo assistenza medica e sostegno ai soggetti a rischio o già infettati dal virus Ebola».

Nell’esprimere incoraggiamento ai Governi, alle agenzie umanitarie e alla comunità medica, il Consiglio ecumenico delle Chiese ha auspicato un’attenta condivisione delle informazioni sulla malattia in modo che le persone possano identificare i sintomi in maniera rapida ed efficace e di conseguenza cercare un aiuto medico». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE