Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Appello alla difesa
della dignità umana

· ​Il discorso di fine anno del segretario generale dell’Onu ·

Un augurio per un nuovo anno «fortunato, prospero e tranquillo» arriva dal segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, che ha invitato i cittadini del mondo a impegnarsi nel 2019 per difendere la dignità umana e per «costruire insieme un avvenire migliore. L’anno scorso in questa stessa occasione io avevo lanciato l’allerta rossa per alcuni danni che avevo elencato. Gli stessi persistono ancora», ha ricordato Guterres. «Per molti tra noi il periodo che viviamo è di profonda angoscia e il mondo è messo a dura prova» ha aggiunto sottolineando che «i cambiamenti climatici persistono, le divisioni geopolitiche si accentuano rendendo i conflitti più difficili a risolversi. Siamo arrivati al record di persone che migrano in cerca di sicurezza e protezione», ha denunciato il segretario generale.

«Le disuguaglianze aumentano in un mondo in cui un pugno di persone possiede una ricchezza equivalente a quella della metà dell’umanità intera», ha sottolineato rilevando che c’è comunque qualche segno di speranza. In particolare ha citato l’accordo per lo Yemen e quello tra Etiopia ed Eritrea, oltre all’intesa tra i protagonisti del conflitto in Sud Sudan. Tra le note positive Guterres ha citato anche l’accordo sui migranti e i rifugiati e la Conferenza sul clima di Katowice, sottolineando che «quando la cooperazione internazionale funziona si vince. Nel 2019 — ha concluso Guterres — le Nazioni Unite continueranno a riunire i popoli, costruire ponti e creare spazi per le soluzioni».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE