Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Aperto in Canada il sinodo dei vescovi greco-cattolici

· Il messaggio dell’arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč ·

L’arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč, Sviatoslav Shevchuk, guida spirituale della Chiesa greco-cattolica ucraina (Ugcc), ha inviato una lettera di saluto ai cattolici ucraini del Canada impegnati nel sinodo  in corso di svolgimento fino al prossimo 16 settembre a Winnipeg, in occasione del centenario dell’arrivo nel Paese del primo vescovo greco-cattolico, il beato Nykyta Budka. Secondo i vescovi dell’Ugcc, monsignor Budka, in collaborazione con il clero e con i laici, ha lavorato con «grande impegno evangelico» per consolidare e rafforzare la comunità della Chiesa ucraina all’estero. «La nostra Chiesa è diventata la prima metropolia fuori dell’Ucraina. Ha formato numerosi vescovi, sacerdoti e religiosi per la nostra Chiesa, non solo in Canada, ma anche nel resto del mondo, esprimendo gratitudine ai fedeli per il loro impegno e fedeltà all’opera di Dio che l’Ugcc ha sentito in modo particolare nel secolo scorso, e negli anni Ottanta e  Novanta, quando il Signore ha concesso libertà alla nazione dopo  secoli di persecuzioni».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE