Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Anno dell’Eucaristia
in Pakistan

· Si concluderà il 25 novembre 2018 ·

Karachi, 15. «I cristiani pachistani devono affrontare ogni giorno molteplici sfide di carattere sociale culturale e religioso. In tale cornice, l’anno dell’Eucaristia sarà fonte di pienezza di vita e di gioia. 

Sarà per i cattolici un momento di crescita spirituale e di rinnovamento interiore, per condividere l’amore di Cristo con tutta l’umanità e per rinnovare il servizio al nostro paese». È quanto ha dichiarato, nei giorni scorsi, monsignor Joseph Arshad, arcivescovo di Islamabad-Rawalpindi e presidente della Conferenza episcopale, in occasione dell’inizio dell’anno dell’Eucaristia che terminerà il 25 novembre 2018 con una messa a Lahore. I presuli pachistani hanno esortato i fedeli a provare con serietà a riscoprire le ricchezze eucaristiche, e invitano i pastori a spiegare l’Eucarestia promuovendo iniziative in tutte le parrocchie del paese.

Il versetto evangelico che caratterizza l’anno dell’Eucaristia è: «Io sono il pane della vita» (Giovanni, 6, 35). La solenne apertura della celebrazione è avvenuta con una messa che si è svolta nella cattedrale di St Patrick, a Karachi, il 25 novembre scorso, presieduta dall’arcivescovo Joseph Coutts, concelebrata con altri vescovi davanti a una assemblea di sacerdoti, religiosi e fedeli provenienti da tutte le diocesi del paese.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE