Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Anglicani e ortodossi
contro la tratta di esseri umani

· Bartolomeo e Welby convocano nel 2016 una conferenza congiunta a Istanbul ·

Anglicani e ortodossi organizzeranno insieme una conferenza internazionale da tenere a Istanbul il prossimo anno sul tema delle moderne schiavitù e del traffico di esseri umani: è quanto hanno deciso il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo, e l’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby, al termine della visita di due giorni compiuta a Londra dal leader ortodosso.

L’annuncio è stato dato attraverso un comunicato congiunto, nel quale, oltre a illustrare il bilancio della visita, si ricorda la dichiarazione comune intitolata “A immagine e somiglianza di Dio: un’antropologia piena di speranza”, messa a punto dalla Commissione internazionale per il dialogo teologico ortodosso-anglicano al termine della riunione tenuta nel settembre scorso. Il testo è il risultato di sei anni di studio su ciò che anglicani e ortodossi possono dire insieme sul concetto della “persona umana a immagine di Dio” e costituirà il fondamento teologico per future discussioni sulle conseguenze pratiche e teologiche per affrontare temi chiave, come la tutela dell’ambiente, e questioni relative alla vita familiare e all’etica.Nel corso della visita a Londra Bartolomeo ha chiesto un’azione urgente per la giustizia climatica in vista del vertice delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico a Parigi (Cop21). Il patriarca si è soffermato sul dovere etico e morale che pesa sui partecipanti all’appuntamento di Parigi. «Non è troppo tardi per agire — ha ricordato l’arcivescovo di Costantinopoli — ma non possiamo permetterci di aspettare. Siamo tutti d’accordo sulla necessità di proteggere le risorse naturali del nostro pianeta. E noi ci troviamo tutti sulla stessa barca». Al riguardo, Bartolomeo ha esortato cittadini, Governi, istituzioni, autorità a esprimere pareri, prendere decisioni e agire in maniera immediata per dare maggiore impulso a un nuovo ethos ambientale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE