Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ancora violenze in Ucraina

· Timori dell’Onu per il mancato rispetto della tregua ·

Washington accusa Mosca di sostenere i separatisti a Debaltseve

Resta critica la situazione in Ucraina dove proseguono i combattimenti: i ribelli filorussi hanno bombardato la strategica città di Debaltseve nella quale le truppe di Kiev sono state costrette a ritirarsi. 

Ribelli filorussi alle porte di Debaltseve (Afp)

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha avuto ieri sera un colloquio telefonico con il ministro degli Esteri ucraino, Pavlo Klimkin, elogiando la leadership mostrata dal presidente Petro Poroshenko negli sforzi per trovare una soluzione al conflitto in corso nell’est del Paese. Ban Ki-moon ha «espresso la sua preoccupazione per la situazione ancora pericolosa sul campo, e la speranza che il cessate il fuoco deciso il 12 febbraio a Minsk sia attuato in tutta la regione» ha detto un portavoce. Sulla possibilità di una missione di pace in Ucraina orientale, il segretario generale ha informato il capo della diplomazia di Kiev che le Nazioni Unite appoggeranno qualunque decisione verrà presa dal Consiglio di sicurezza. Anche il vicepresidente americano, Joe Biden, ha avuto ieri un colloquio telefonico con il premier e il presidente dell’Ucraina, Arseniy Yatsenyuk e Petro Poroshenko, e ha «condannato con forza l’offensiva delle forze separatiste nella città di Debaltseve». La Casa Bianca riferisce inoltre che Biden ha concordato con i due leader che «la Russia non può continuare a nascondersi dietro la falsa affermazione che le ultime operazioni militari sono solo il lavoro di separatisti locali». Il cessate il fuoco in Ucraina non viene dunque rispettato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE