Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ancora una bara galleggiante nel Mediterraneo

· Tredici cadaveri scoperti su un barcone soccorso al largo della Libia ·

Tredici cadaveri sono stati recuperati ieri pomeriggio su un barcone diretto verso l’Italia, raggiunto dai soccorsi al largo della Libia. Sullo stesso barcone vi erano altre 522 persone, tratte in salvo dalla nave Le Niam, della Marina militare irlandese, inquadrata nella missine navale europea Triton. L’intervento è stato uno dei cinque realizzati ieri nelle acque del canale di Sicilia e che hanno consentito complessivamente di trarre in salvo 1810 persone.

Gommone abbandonato su una spiaggia dell’isola greca di Kos (Ap)

Intanto, oggi una nave della Marina irlandese con a bordo 430 migranti e 14 cadaveri ha comunicato di esser diretta al porto di Cagliari. L’imbarcazione ieri notte aveva partecipato al soccorso di un gommone con a bordo 522 profughi più le salme delle persone morte al largo delle coste libiche. Alle operazioni aveva preso parte anche una nave svedese. Nel caso in cui l’arrivo a Cagliari fosse confermato, circa duecento profughi saranno ospitati nelle strutture ricettive del capoluogo, 130 a Sassari, sessanta a Nuoro e il resto nell’oristanese.

Sull’accoglienza dei rifugiati, intanto, l’Europa non trova ancora politiche coese e solidali, mentre cresce in diversi Paesi la tensione. In Germania, dopo le proteste orchestrate soprattutto dall’estrema destra locale, un grave episodio di violenza intimidatoria ha colpito nella notte tra domenica e lunedì la cittadina sassone di Freital. Sconosciuti hanno fatto esplodere un ordigno vicino alla macchina di un consigliere comunale della Linke, Michael Richter, particolarmente impegnato per l’accoglienza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE