Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ancora nessuna tregua tra Israele e Hamas

· Undici palestinesi uccisi in nuovi raid sulla striscia di Gaza mentre l’Europa chiede di evitare l’escalation ·

Nessuna tregua: tra Gaza e Israele è ancora guerra. L’esercito israeliano ha continuato nella notte i bombardamenti sul territorio palestinese in risposta al lancio dei razzi di Hamas. Secondo fonti sanitarie della striscia, almeno undici palestinesi sono morti nelle ultime ore; in un raid compiuto questa mattina dall’aviazione israeliana, sono state uccise altre quattro persone, tra cui un bimbo di cinque anni. Intanto al Cairo proseguono i colloqui per arrivare a una tregua. La crisi sarà oggi al centro dell’incontro tra i ministri di Esteri e Difesa dell’Unione europea riuniti a Bruxelles. Ieri il presidente statunitense, Barack Obama, ha chiesto di fermare l’escalation della violenza. Un portavoce di Tsahal ha riferito che nelle operazioni sono stati colpiti 1.350 “siti terroristici”: rampe sotterranee di lanci di razzi, tunnel utilizzati per trasportare le armi, basi di addestramento. Gli ordigni lanciati dalla striscia di Gaza contro il territorio israeliano — in base ai dati di Tsahal — sono 848: il sistema di difesa ne ha intercettati 302. Questa mattina alcuni ordigni hanno colpito Eshkol, Shàar Hanegev e Gan Yavne, provocando un numero imprecisato di feriti.

Nella striscia, ieri, durante i raid israeliani sono morti nove bambini.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE