Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Anche la Cina chiede garanzie sulla crisi ucraina

· Mentre Putin detta le condizioni del negoziato ·

Il coro e balletto della flotta russa del Mar Nero durante un’esibizione a Simferopoli (Reuters)

Kiev, 10. Si intensificano i contatti diplomatici per cercare di stemperare la crisi ucraina. Il presidente cinese, Xi Jinping, ha sollecitato una soluzione politica e ha chiesto a tutti i protagonisti di esercitare calma e moderazione: lo ha fatto nel corso di due telefonate distinte, una al presidente statunitense, Barack Obama, l’altra al cancelliere tedesco, Angela Merkel.

«La situazione in Ucraina è estremamente complessa: quel che è più urgente è che tutte le parti in causa mantengano la calma e mostrino moderazione per evitare un’escalation della tensione», ha fatto sapere da Pechino il ministero degli Esteri, citando le parole di Xi a Obama. Anche al cancelliere Merkel, Xi ha detto che la situazione in Ucraina è «estremamente delicata» e deve essere affrontata con grande attenzione. E mentre il deposto presidente ucraino, Viktor Ianukovich, terrà domani una conferenza a Rostov sul Don, nel sud della Russia, ieri in Crimea si sono registrati i primi scontri tra filo-russi e sostenitori del nuovo Governo di Kiev.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE